Senza categoria

Muffulette

La Muffuletta è un pane di grano duro tipico Siciliano, ha la forma di un focaccia tonda  e viene consumato soprattutto in prossimità della festività di San Martino accompagnata da un buon bicchiere di vino novello e condita con l’olio nuovo.
Esistono diverse varietà di muffulette, a Palermo per esempio hanno dimensioni più piccole  mettono i semi di sesamo sopra, e vengono condite con le famose Panelle o la Meusa.
La Muffuletta di cui vi parlo io  è tipica della valle del Belice e oltre a non prevedere semi di sesamo sopra,  ha la particolarità di contenere all’interno dell’impasto dei semi di finocchio che la rendono ancora più  profumata.
Nel mia città d’origine Alcamo si consumano tutto l’inverno, durante il fine settimana nei Forni si fa la fila per riuscire a portare a casa queste pagnottelle profumate.
Da quando mi sono trasferita a Pescara non avendo più la possibilità di trovarle calde e fragranti al panificio sotto casa, mi sono messa alla ricerca della ricetta giusta e dopo tanti fallimenti e piccoli progressi finalmente sono approdata alla “Ricetta Perfetta”.
Perfetta non perché sia l’originale o cascasse il mondo cosi deve essere fatta, ma è quanto di più si avvicina nel sapore, profumo e consistenza alle muffulette della mia città.

 

Ingredienti:

1Kg di Farina di grano duro (Rimacino)
15 g Lievito di Birra o 200g di lievito madre
10g di Malto d’orzo
1 Cucchiaio di miele (2 se non trovate il malto d’orzo)
600ml d’Acqua
100ml d’Olio
10g di Semi di Finocchio
20g Sale

Per Condire
Pomodoro da insalata
Olio extra vergine d’oliva
Acciughe
Pecorino Primo Sale Siciliano
Origano
Sale e Pepe
Ricotta fresca di pecora

Mettete all’interno della planetaria ( altrimenti impastate a mano) la farina, il malto il lievito spezzettato e il miele aggiungete tutta l’acqua e fate lavorare l’impasto fino a incordatura, aggiungete l’olio poco alla volta aspettando che si assorba completamente prima di aggiungerne altro e infine mettete il sale e i semi di finocchio, lavorate ancora un paio di minuti. Trasferite l’impasto sul vostro piano di lavoro ben pulito e infarinato, formate una pagnotta tonda ( portando i bordi verso l’interno) e mettete a lievitare per 2 ore circa coprendo l’impasto con canovaccio pulito.
Trascorse le 2 ore formare dei panetti di circa 180g, farli lievitare per un altra ora.
Accendere il forno a 200°  prendete i panetti che avranno nuovamente lievitato, con l’aiuto di un mattarello schiacciateli un po’ e infarinateli  disponeteli su una teglia coperta di carta forno mantenendo una certa distanza tra loro e infornare per una quindicina di minuti, fino a doratura della muffuletta ( decidete voi se vi piace più o meno cotta).
Lasciar un attimo intiepide, portare in tavola e condire con pomodoro ,olio acciughe, origano, primo sale oppure semplicemente con la ricotta fresca.

Ps: il malto d’orzo si trova facilmente nei negozi Bio, se non riuscite a trovarlo sostituite con il miele.

You Might Also Like

10 Comments

  • Reply
    franca
    14 Novembre 2012 at 11:20

    che buone che sono,le conosco benissimo essendo siciliana.
    le tue sono venute davvero perfette.
    ciao

  • Reply
    Le Spizzicate Salentine
    14 Novembre 2012 at 11:24

    Ciao Gio ma che buone, sembra quasi di sentirne il profumo. Una descrizione che trasmette i sapori tradizionali e autentici della tua terra, che bello! baci D. L.

  • Reply
    annaferna
    14 Novembre 2012 at 11:51

    ciao Giovanna
    mamma mia che fame!!!!
    devono essere state ottime!!!
    baci

  • Reply
    ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ
    14 Novembre 2012 at 12:45

    non le conosco ma sono buonissimee..
    lia

  • Reply
    ANNA
    14 Novembre 2012 at 12:48

    Questo pane , fatto di tradizione e sentimento è quello che vorrei sempre trovare in giro per blog !!

  • Reply
    Paola
    14 Novembre 2012 at 13:53

    Ciao non le ho mai mangiate ma hanno un aspetto fantastico, complimenti!

  • Reply
    Maria Pia Sc
    14 Novembre 2012 at 17:40

    ciao Giovanna, ho visto la foto di questi splendidi panini in un blogroll e sono venuta a vedere, io ho iniziato da poco a preparare il pane in casa, sono pugliese ma vivo in Germania dove il pane di grano duro non è affatto facile da trovare, allora ho cercato di imparare!complimenti per questa ricetta e per il tuo blog, davvero molto bello! a presto e buona serata!

  • Reply
    Renza
    14 Novembre 2012 at 20:05

    L'aspetto è bellissimo!! Chissà che buone saranno!! Ciao!

  • Reply
    sississima
    16 Novembre 2012 at 11:18

    sono stata in vacanza in Sicilia, questa estate, ma questo pane non so se l'ho assaggiato, ha proprio un bell'aspetto, tutto da mordere, un abbraccio SILVIA

  • Reply
    Federica
    18 Novembre 2012 at 21:24

    Che belle che sono, sembrano proprio delle focaccine 🙂 E devono anche essere molto buone oltre ad avere un nome simpaticissimo. Mi piace un sacci il pane di semola di grano duro. Un bacio, buona settimana

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.