Browsing Tag:

Pane Pizze e Focacce

Lievitati/ Pane/ Ricette dal Mondo

Flatbread alla griglia

flatbreadgriglia

Il Flatbread letteralmente “pane piatto” è un pane antichissimo poco lievitato e cotto in padella.

Le origini del Flatbread risalgono a 14 mila anni fa, ne sono state trovate tracce recentemente in Giordania durante uno scavo archeologico.

Il Flatbread si sarebbe poi diffuso in tutto il mondo in diverse versioni, merito della semplicità di preparazione e di una cottura veloce.

flatbreadgrigliato

la ricetta del Flatbread che vi propongo è la Recake di questo mese .

Non potete assolutamente perderla

Print Recipe
Flatbread alla griglia
Flatbread letteralmente pane piatto cotto in padella
Porzioni
8 persone
Ingredienti
Per il burro all'aglio
Porzioni
8 persone
Ingredienti
Per il burro all'aglio
Istruzioni
  1. In una ciotola ampia (della planetaria, se la usatunite la farina e il sale. Aggiungete anche il lievito e mescolate. Fate la fontana al centro e unite l’acqua, il miele e l’olio. Date una mescolata usando un mestolo di legno. Lavorate l’impasto su un piano leggermente infarinato, per una decina di minuti (5 minuti con gancio, se usate la planetaria). Trasferite l’impasto in una ciotola leggermente unta. Coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio (ci vorrà circa un’ora).
  2. Preriscaldate una piastra (possibilmente in ghiso la griglia del barbecue. Ungete la griglia o la piastra con poco olio.
  3. Nel frattempo, dividete l’impasto in 8 pezzi. L’impasto sarà leggermente appiccicoso, quindi ungetevi le mani per lavorarlo, senza aggiungere farina. Allargate l’impasto con la punta delle dita, appiattendolo abbastanza, e conferitegli una forma ovale.
  4. Mettete i pani su un foglio di carta forno unto con poco olio e allargateli ancora. Quando la piastra o la griglia saranno roventi, trasferitevi i pani un paio alla volta.
  5. Cuoceteli per 3-4 minuti per lato. Man mano che saranno cotti avvolgeteli con un canovaccio pulito.
  6. Mentre cuocete i pani, preparate il burro all’aglio. Mettete il burro in una casseruola e unitevi gli spicchi di aglio tritati molto finemente (meglio se con uno spremiaglio). Quando il burro sarà spumeggiante e sentirete l’aroma di aglio, spegnete il fuoco.
  7. Quando tutti i pani saranno pronti spennellateli con il burro all’aglio e completate con un pizzico di sale e prezzemolo tritato.

flatbreadgriglia
Aperitivo/ Lievitati/ Pane/ Pizza e Focacce

Focaccine alla curcuma cotte in padella

Oggi vi lascio  la ricetta di queste morbide focaccine alla curcuma che ho preparato al volo l’altra sera per sopperire alla mancanza di pane in casa.

L’impasto per queste focaccine alla curcuma si prepara in pochissimi minuti e trascorso il periodo di lievitazione si cuociono in modo altrettanto veloce.

Questa delle focaccine alla curcuma è una di quelle ricette che io chiamo salva cena, nella maggior parte dei casi infatti quando le preparerete da semplice accompagnamento diventerannono portata principale, perlomeno così succede a casa mia 😉

Si prestano ad essere condite in svariati modi ma sono già buonissime mangiate calde calde appena tolte dalla padella.

Print Recipe
Focaccine alla curcuma cotte in padella
Focaccine alla curcuma cotte in padella
Tempo di preparazione 5 minuti
Tempo di cottura 3 minuti
Tempo Passivo 2 ore
Porzioni
4/5 persone
Ingredienti
Tempo di preparazione 5 minuti
Tempo di cottura 3 minuti
Tempo Passivo 2 ore
Porzioni
4/5 persone
Ingredienti
Istruzioni
  1. In una ciotola mescolate la farina con la curcuma. Fate una fontana, sbriciolate al centro il lievito e cominciate a scioglierlo unendo a filo l'acqua un po' alla volta.
  2. Unite il sale, l'olio, i semini e lavorate l'impasto fino a quando non risulti liscio e omogeneo. Trasferitelo in una ciotola pulita copritelo con un canovaccio e lasciatelo lievitare per un oretta scarsa.
  3. Stendete l'impasto su un ripieno infarinato con le mani. Fate lievitare una seconda volta. Con l'aiuto di un coppa pasta ricavate le vostre focaccine.
  4. Scaldate sul fuoco un padellino dal fondo spesso e cuocete le focaccine circa un minuto o poco più per lato.
  5. Conditele a vostro piacimento e gustatele
Recipe Notes

Se avete fretta potete utilizzare anche il lievito istantaneo ( un paio di cucchiaini) per la realizzazione di queste focaccine.

Sempre per velocizzare , in commercio trovate abbastanza facilmente ormai la farina già miscelata con la curcuma e volendo anche i semi 😉

 

Antipasti/ Cucina Regionale/ Festività/ Natale/ Pizza e Focacce/ Senza categoria

Pizza di Scarola

Spesso nella mia cucina mi piace sperimentare, 

provare ingredienti nuovi e insoliti e ricette di altri paesi.

Ma quando cucino per gola, senza dubbio opto sempre per i piatti della tradizione italiana, quelli che non tradiscono mai.

Pizza di Scarola

Ed ecco che vi presento la ricetta di oggi.

la mia versione della Pizza di Scarola Napoletana.

Ho seguito la ricetta tradizionale, ho però usato una farina diversa dal solito.

La Timilia

 

pizza scarola Timilia

la Timilia o ” Tumminia” è una farina di grano duro Siciliano, un grano antico macinato a pietra.

Una farina ricchissima di proteine e un basso indice glicemico.

È la farina con cui si fà il famoso pane di Castelvetrano , presidio Slow Food.

 

Grazie al ritorno del consumo di farine macinate a pietra,

i grani antichi come la Timilia hanno ripreso ad essere coltivati ed è più facile per noi consumatori reperirli.

Per fortuna nostra e dei nostri palati.

Farina Timilia

 

Print Recipe
Pizza di Scarola
la Pizza di Scarola piatto della tradizione Napoletana
Porzioni
Ingredienti
Per il ripieno
Porzioni
Ingredienti
Per il ripieno
Istruzioni
  1. In una ciotola mescolate le due farine. Sciogliete il lievito di birra in un po' d'acqua e unitele alla farine, insieme al resto dell'acqua, e cominciate ad impastare a mano o con una comune impastatrice. Quando l'impasto sarà liscio e omogeneo, unite l'olio in cui avrete sciolto il sale e impastate ancora fino a completo assorbimento. Formate un panetto. Ponete l'impasto in una ciotola unta d'olio coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio in un luogo tiepido e asciutto. Nel frattempo lavate e sbollentate la Scarola e scolatela bene. In una padella fate imbiondire uno spicchio d'aglio con un filo d'olio e le acciughe. Togliete l'aglio prima che bruci, aggiungete , la scarola, l'uvetta che avrete fatto ammollare in acqua e cuocete a fuoco vivace, fino all'assorbimento completo dell'acqua della verdura. Unite infine le olive e i pinoli tostati in padella per pochi minuti. Aggiustate di sale e pepate. Stendete l'impasto ormai lievitato su una teglia oliata di 24 cm di diametro, la pasta deve andare di molto oltre il bordo. Aggiungete il ripieno di scarola e ripiegate i bordi di pasta avanzata sulla teglia, in modo da ricoprire in parte il ripieno. Cuocete in forno caldo a 180° per 20 minuti circa o comunque fino a completa cottura della pizza.
Recipe Notes

Ottima da servire Fredda

 

 

 La Pizza di Scarola a Napoli è tipica delle feste natalizie, si prepara in particolar modo per la vigilia di Natale.

Con questa ricetta apriamo una carrellata di preparazioni delle feste.

Continuate a seguirmi 🙂

Vi segnalo la mia pagina Facebook a questo link.

Se passate a trovarmi anche li, mi fate piacere, vi aspetto 🙂

 

 

Senza categoria

Guinness Bread

Oggi si festeggia San Patrizio patrono d’ Irlanda , un po’ come per Halloween questa ricorrenza è divenuta così popolare che ormai si festeggia in tutto il mondo.
Inutile dirvi che questo sarebbe il periodo  giusto per visitare Dublino, che in questi giorni si tinge completamente di verde  e si anima con festeggiamenti di ogni tipo per un intera settimana .
In questi giorni i pub sono pieni sin dalle prime ore del mattino e tutto intorno e un continuo brindare con la birra più famosa d’irlanda  la Guinness.
Ormai da anni preparo la Guinness Chocolate Cake per festeggiare San Patrizio , quest’anno però mi sono cimentata anche nella preparazione di un pane, per una versione personalissima di un Guinness Bread.

Guinness Bread

ingredienti:

500 g Farina macinata a pietra di tipo 2
150 g Lievito Madre
330 ml di Birra scura ( Guinness)
25g di Cacao Amaro
12 g di Sale
1 cucchiaino di Malto d’ orzo

Versate la birra all’interno della ciotola della planetaria ( o di altra impastatrice) aggiungete il lievito madre spezzettato e  fate andare l’impastatrice a velocità 1 fino a quando il lievito si scioglie. Lasciate riposare per una decina di minuti e poi unite gli altri ingredienti : la farina, il cacao, il malto d’orzo e il sale . Riprendete ad impastare ad una velocità media per cinque minuti circa, Non appena l’impasto risulta morbido e liscio trasferitelo in una ciotola che avrete spolverato di farina copritelo  e mettetelo a riposare in frigo per 6/7 ore ( vi consiglio di fare quest’operazione la sera) Trascorso il tempo necessario trasferite l’impasto su una spianatoia infarinata e lavoratelo con le mani, formate il vostro pane, ( ho fatto un panetto rotondo) trasferitelo su una teglia infarinata e lasciatelo lievitare per altre 2/3 ore.
Scaldate il forno alla massima temperatura, infornate il pane abbassate a 200° e cuocete per 40/50 minuti o fino a quando il pane avrà una bella crosta croccante. Fate raffreddare  prima di tagliare.
Questo pane ha un leggero retrogusto amaro dato dalla guinness per questo motivo si sposa bene con il burro e con i salumi. Provatelo!

Buon  St. Patrick’s Day !!!

Senza categoria

Pane Cafone delle Sorelle Simili

Il nome pare che derivi da “oppan Cafòn” pane con le funi, perché gli uomini che lo portavano a Napoli scendevano dal Vesuvio legati con delle funi e a queste funi si mantenevano legati per non perdersi in città
Totalmente a fermentazione naturale è molto profumato e vale senz’altro la pena  farlo anche se un poco laborioso.”

Dal libro “Pane e Roba dolce” delle Sorelle Simili
 
 
 
Per cominciare: ( le dosi sono per 2 pani, volendo potete dimezzare per un pane solo)
 
65 g di Lievito Madre
75 g di farina di forza ( io ho usato una farina biologica tipo 1 macinata a Pietra, va bene anche una 0 )
40 g di Acqua
 
Formate un impasto con l’acqua il lievito madre e la farina coprite e lasciate lievitare per 3 ore.
 
 
 
 
2° Rinfresco
 
180 g di Lievito madre ( il nostro impasto precedente)
90 g di Farina di forza ( la stessa che avete usato per il primo rinfresco)
45 g di Acqua 
 
Impastate tutti gli ingredienti come avete fatto in precedenza , coprite l’impasto ottenuto e lasciate riposare per altre 3 ore.
 
 
 
 
Impasto:
 
315 g di lievito madre (il nostro impasto precedente
850 g di farina di Forza
500 g di Acqua
25 g di Sale
 
Impastate tutti gli ingredienti a lungo fino ad ottenere una consistenza della pasta molto tesa. lasciate riposare 30 minuti.
Dividete l’impasto in due e date una preforma a  filone, fate riposare per 15/20 minuti poi formate una palla per ogni filone semplicemente piegando all’interno le punte dei filoni  e arrotondando brevemente con le mani.
Mettete a riposare su un canovaccio infarinato le nostre forme di pane con le chiusure sotto, cospargete con altra farina e coprite.
Fate lievitare in un ambiente caldo per 8/10 ore.
Trascorse le ore di lievitazione, scaldate il forno a 240° e abbassate a 200° subito prima di infornare.
capovolgete i pani sulle teglie e cuocete per 45 minuti circa.
Fate raffreddare completamente su una gratella prima di tagliarlo.