Browsing Category

Breakfast

Breakfast/ Ricette dal Mondo/ Senza categoria

Pumpkin Spice Milk

Pumpink Spice milk lo conoscete?

È un profumatissimo latte speziato con cannella,noce moscata e chiodi di garofano, purea di zucca, che nel periodo autunnale servono da Sturbucks e che a me come a molti di voi e capitato di assaggiare durante un viaggio.

-pumping-spice-milk-

 

Naturalmente come ogni volta che assaggio qualcosa che mi piace, il mio pensiero è :

” Devo assolutamente provare a rifarlo a casa”

Così è da tempo che giro sul web alla ricerca della ricetta non dico perfetta ma più convincente.

-pumping-spice-milk-018

 

In linea di massima sono due i metodi utilizzati per la preparazione del Pumpkin spice milk uno che definirei easy, in cui si riscalda il latte con la purea di zucca e le spezie al momento di consumarlo.

E un secondo che prevede la preparazione di uno sciroppo di zucca .

Il secondo metodo è quello che io ho scelto, lo sciroppo di zucca ha un profumo e un sapore che vi verrà voglia di mangiarlo a cucchiaite, e poi una volta preparato ermeticamente chiuso  in un barattolo si conserva in frigo per diversi giorni. 

 

pumping-spice-milk-020 

Print Recipe
Pumpkin Spice Milk
Latte speziato alla zucca
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 5 minuti
Porzioni
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 5 minuti
Porzioni
Ingredienti
Istruzioni
  1. In un pentolino unite l'acqua con lo zucchero, ponete sul fuoco a fiamma bassa. Non appena lo zucchero si sarà sciolto unite le spezie e la purea di zucca, mescolate e continuate a cuocere fino a quando lo sciroppo non si sarà formato. Fate raffreddare e conservate in frigo un barattolo con chiusura ermetica. Quando avrete voglia del vostro Pumpink spice milk, non dovrete far altro che scaldare una tazza di latte, aggiungere una tazzina di caffè, aggiungere 1/2 cucchiai di sciroppo di zucca, mescolare bene e completare con una dose generosa di panna montata.
Recipe Notes

Sostituendo il latte e la panna con latte e panna vegetali otteniamo una ricetta vegan

Per la purea di zucca, semplicemente  cuocete la zucca in forno. 

 

pumping-spice-milk-011

Breakfast/ Dolci/ Dolci da Colazione/ Torta

Ciambella Paradiso

 Ciambella Paradiso.

Quando si riesce e bello prendersi un po’ di tempo la mattina per fare colazione come si deve.

Con un bel dolce fatto in casa semplice ma preparato con ingredienti genuini, una tazza di caffè e la famiglia intorno  a farti le coccole. 

Cosa si può desiderare di più!!!

ciambella-paradiso-005

Questo è un dolce che preparo spesso per la colazione la mattina.

Fresco e leggero.

Ottimo da pucciare nel latte , buono da mangiare da solo e stratosferico con un velo di marmellata o di crema alle nocciole.

Potete gustarlo come più vi piace.

ciambella-paradiso-007

Print Recipe
Ciambella Paradiso
Ciambella allo yogurt
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 45 minuti
Porzioni
6 persone
Ingredienti
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 45 minuti
Porzioni
6 persone
Ingredienti
Istruzioni
  1. Montate le uova con lo zucchero fino a quando non risultino gonfie e spumose. Unite il miele, un pizzico di sale, lo yogurt, la farina setacciate e il burro che avrete fatto fondere a fiamma bassa in un pentolino. Mescolate delicatamente il composto, unite il lievito setacciato e la scorza grattuggiata del limone. Amalgamate bene tutto con l'aiuto di una spatola. Imburrate e infarinate uno stampo da ciambella di diametro di 24 cm , versate il composto e cuocete in forno a 170° per 45 minuti circa. Lasciate raffreddare prima di sformare dallo stampo. Servite la ciambella spolverizzata con zucchero a velo.

ciambella-paradiso-011 

Breakfast/ Cake/ Dolci/ Fluffosa/ Ricette dal Mondo/ Senza categoria

Fluffosa al limone con fragole e cioccolato bianco

Fluffosa limone cioccolato bianco e fragole 008-2Fluffosa!!!

Si proprio lei la regina del web.

Fluffosa è il termine  simpaticamente usato da un gruppo di amiche foodblogger ( le Bloggalline) per indicare la Chiffon Cake. A coniare il termine è stata la blogger  Monica Zacchia , (qui potete leggere  come e quando) il termine si è  poi naturalmente esteso anche al gruppo IFood e oggi chi bazzica nel mondo del food online  che gli piaccia o no, lo conosce. 

Fluffosa è  un po’ come il termine “Petaloso” senza però essere passata per l’Accademia della Crusca 🙂

Fluffosa limone cioccolato bianco e fragole 012

la Chiffon Cake è una famosa torta americana inventata per caso nel 1927 da Harry Baker un venditore di assicurazioni trasformatosi in ristoratore.  

la ricetta restò segreta per 20 anni fino a quando Baker non vendette i diritti a una Multinazionale la General Mills che diffuse la ricetta per tutta l’america, facendo diventare la Chiffon cake famosissima.

La Chiffon cake è una torta morbidissima, leggera come una nuvola, Fluffosa appunto 🙂

Soprattutto super versatile, perchè basta cambiare ogni volta la parte liquida per avere una torta diversa.

Fluffosa limone Cioccolato bianco e Fragole

 

La Fluffosa è entrata in casa mia da parecchio tempo, tanto che ogni membro della famiglia ha la sua preferita, Fluffosa al cioccolato fondente e peperoncino per il marito, Fluffosa carote e zenzero per il piccolo di casa e io a dirla tutta non ho una preferita, mi piacciono tutte 🙂 

Questa però è la prima volta che la  pubblico  su blog, complice il primo cestino di fragole della stagione ho optato per la Fluffosa al limone di Monica arricchendola con del cioccolato bianco e delle polposissime e rosse fragole.

Fluffosa al limone con fragole e cioccolato bianco
Autore: 
Recipe type: Breakfast
Cuisine: Americana
 
Chiffon Cake ingredienti per uno stampo di 26/28 cm
Ingredienti
  • 285 g di farina 00
  • 300 g di zucchero
  • 7 uova biologiche
  • 160 g di spremuta di limone biologico
  • scorza di un limone
  • 120 g di olio di semi di arachide o di Riso
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 bustina di cremor tartaro
  • 1 baccello di vaniglia
  • Per guarnire:
  • 200g di Cioccolata bianca
  • Fragole fresche
Istruzioni
  1. In una grande ciotola setacciate la farina, il lievito e lo zucchero.
  2. Separate i tuorli dagli albumi.
  3. Montate a neve fermissima gli albumi con la bustina di cremor tartaro.
  4. spremete i limoni per ottenerne il succo.
  5. Al centro della ciotola dove sono gli ingredienti secchi versate seguendo questo preciso ordine e senza mescolare: l'olio, i tuorli, la spremuta di limone, la scorza grattugiata e i semi della bacca di vaniglia. Con l'aiuto di una frusta mescolate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo, infine unite gli albumi montati delicatamente aiutandovi con una spatola.
  6. Versate l'impasto ottenuto nello stampo da chiffon ( mi raccomando senza ungerlo ne infarinarlo)
  7. Infornate a 170° per 55 minuti e poi a 175 per altri 10 minuti ( fate la prova stecchino per assicurarvi che la chiffon cake sia ben cotta,
  8. Capovolgete lo stampo su un piatto da portata fate raffreddare e aspettate che la torta si stacchi da sola, se una volta fredda non è ancora scesa potete aiutarvi passando lungo i bordi la lama di un coltello e spingendo verso il basso delicatamente.
  9. In pentolino fondete a bagnomaria la cioccolata bianca, disponete le fragole lavate e asciugate tutte intorno alla chiffon cake e completate con la cioccolata fusa.

Fluffosa limone cioccolato bianco e fragole 021 

Breakfast/ Lievitati/ Senza categoria

Pasta Brioche di Michel Roux

Questo è il settimo post che dedico a Michel Roux e alle sue ricette, credo che sia superfluo  dirvi che lo adoro. 
Vi ricordate della Torta di Mele ?, della Pasta Brisèe della torta alle Amarene? e dei Croissant?.
Oggi è la volta della Pasta Brioche, la ricetta base  da cui partire per poi  procedere con preparazioni sia dolci sia salate.
 
 
 
 
Ingredienti:
 
500 g di Farina ( io ho usato 300 di Farina Manitoba e 200 di Farina 00)
15g di Lievito di Birra
70 ml di Latte
6 Uova
350 g di Burro
15 g di Sale
30g di Zucchero
 
 
 
Inoltre:
1 Tuorlo
Latte q.b.
 
 
 
 
 
In una ciotola sciogliete il lievito nel latte
Nella planetaria mettete la farina, il sale, le uova, versate il latte con il lievito sciolto e mescolate a velocità bassa per 5 minuti.
Aumentate la velocità della planetaria da bassa a media e lavorate per 10 minuti
A questo punto avrete un impasto liscio ed elastico.
In una ciotola mescolate il burro con lo zucchero, aggiungete qualche pezzetto all’impasto, e poi il resto un pezzetto alla volta con la planetaria in funzione al minimo, una volta incorporato, aumentate la velocità e impastate per 6-10 minuti fino a quando l’impasto non risulti liscissimo e si stacca perfettamente dalle pareti della ciotola.
Coprite l’impasto e lasciate lievitare per 2 ore finché non raddoppia di volume.
A questo punto lavorate l’impasto velocemente con le mani semplicemente rigirando l’impasto 2-3 volte. e fate lievitare nuovamente in frigo da un minimo di un paio d’ore ad un massimo di 24.
Adesso la pasta è pronta per essere lavorata.
 
Munitevi di uno stampo per Brioche come quello in foto, con un diametro di 20cm circa.
Dividete la pasta in due parti una più grande dell’altra. Con la parte più grande fate una palla adagiatelo sul fondo dello stampo che avete precedentemente imburrato create un foro al centro e sistemateci sopra la palla di impasto rimanente ( come in foto)
Spennellate con uovo e latte e lasciate lievitare per circa 1 ora e 1/2.
Scaldate il forno a 200à rispenellate molto delicatamente con latte e tuorlo, infornate, dopo 15 minuti abbassate la temperatura a 170° per altri 30 minuti. fate raffreddare prima di sformare dallo stampo.
 
 
 
 
  • L’impasto della pasta brioche può essere congelato per due settimane
  • Si possono formare tante piccole brioche singole, aggiungendo delle gocce di cioccolato per esempio.
  • Tagliato a fette è ottimo da servire con salumi e formaggi
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Breakfast/ Dolci/ Dolci da Colazione/ Lievitati/ Ricette dal Mondo/ Senza categoria

Croissant di Michel Roux

In tre anni di blog più volte mi sono trovata sul punto di postare la mia ricetta “perfetta” sui croissant, ne ho provate tante, di più o meno note e con risultati più o meno soddisfacenti, ma mai nessuna che mi facesse dire “Ecco, trovata! è quella giusta! ” 
Fino a quando non provo i Crossaint di Michel Roux dal libro Frolla & Sfoglia, vera ricetta francese, che mi ha ricordato dei fantastici croissant mangiati in un grazioso forno parigino a Montmartre, e che finalmente sono riuscita a riprodurre nella mia cucina. 
Ho smesso con le prove, la Ricetta di Roux è quella che ha vinto su tutte, per me non ha rivali.
 
 
 
 
 
Pasta Croissant:
 
500 g di  Farina 00
250 ml di Latte Intero
25 g Lievito di Birra
12 g di Sale
50 g di Zucchero
275 g di Burro
 
Inoltre:
1 Tuorlo
1 Cucchiaio di Latte
 
 
 
 
 
Mettete la farina, il sale e lo zucchero nella planetaria ( o in un contenitore ampio se impastate a mano) con il gancio da impasto e mescolate a bassa velocità. 
Sciogliete il lievito nel lattee aggiungetelo poco alla volta alla farina. lavorate l’impasto fino a quando non si stacca dalle pareti della ciotola; non deve diventare troppo elastico.
Coprite la ciotola con la pellicola e lasciate lievitare in un posto caldo a una temperatura di 24° circa fino al raddoppio di volume, occorrerà un ora circa.
A questo punto lavorate leggermente l’impasto con le mani ,coprite di nuovo con la pellicola e mettete a riposare in frigo per 4 ore circa ( non superare mai le 8 ore).
Lavorate ancora l’impasto nella ciotola ,poi trasferitelo su un piano di lavoro leggermente infarinato.
Formate una palla, incidete al centro una croce e stendete i 4 lembi ottenuti per creare delle alette. Schiacciate il burro leggermente ammorbidito con il mattarello e mettetelo al centro dell’ impasto e ripiegateci sopra le alette, adesso è arrivato il  tanto temuto momento della sfogliatura
Infarinate il piano di lavoro, stendete la pasta in un rettangolo di 60×30 cm e ripiegatela in tre. Mettetela in frigo per 30 minuti avvolta nella pellicola.
Prendete la pasta giratela di 90°gradi  ( l’apertura del panetto deve trovarsi alla vostra destra) stendetela in un rettangolo, ripiegatela di nuovo in tre e riponetela in frigo come prima.
Terzo e ultimo giro Stendete la pasta in un rettangolo stavolta nella direzione opposta al giro precedente e ripiegate come prima . avvolgete nella pellicola e mettete in frigo a riposare per altri 30 minuti. 
A questo link nel blog di Paoletta troverete tutte le spiegazioni necessarie e soprattutto le immagini per una sfogliatura a regola d’arte. 
 
 
 
Preparate una sagoma di cartone triangolare con una base di 9 cm e un altezza di 18 cm.. Infarinate il piano di lavoro e stendete la pasta in un rettangolo di 65×40 cm e 3 mm di spessore. rifilate i 4 lati e tagliatela a metà per il lungo in modo da ottenere 2 striscie di uguali dimensioni, con l’aiuto della sagoma di cartone tagliate la pasta a triangoli.
Con un coltello incidete a metà  la base di ogni triangolo di circa un cm, tirate leggermente i due angoli ottenuti e arrotolate formando i croissant.
Spennellate leggermente i croissant con l’uovo e latte dall’interno verso l’esterno per evitare che gli strati di pasta si attacchino e compromettano la lievitazione. 
Disporre i croissant in una teglia ricoperta di carta forno e lasciateli lievitare per 2 ore. Scaldate il forno a 170° spennellate di nuovo i croissant e infornateli per 12/14 minuti.
 
Questa pasta si usa per preparazioni sia dolci che salate, e inoltre possibile congelarli cosi da poterli tirar fuori quando vi viene voglia, io di solito li tiro fuori dal freezer la sera per trovarli pronti e lievitati il mattino successivo avendo cura in questo periodo in cui le temperature sono elevate di far scongelare i croissant in frigo e tirarli fuori solo due ore prima di infornarli.