Browsing Category

Crostate

Crostate/ Dolci/ Festività/ Natale/ Senza categoria

Crostata con frolla alle mandorle e mousse al cioccolato bianco

tarte-mousse-cioccolato-bianco

Oggi vi propongo un crostata total white, perfetta da portare in tavola per le feste.

La base è una frolla alle mandorle e il ripieno una golosa mousse al cioccolato bianco.

Crostata con frolla alle mandorle e mousse al cioccolato bianco

Con i ritagli dell’ impasto della crostata ho ricavato dei biscotti a forma di stella che ho usato per decorare  e dare l’effetto Natale che volevo. 

È un idea carina per portare in tavola un dolce diverso se non amate Pandori e Panettoni anche se io li porterei entrambi.

  • Per questo mese ci lasciamo andare ai vizi alla dieta ci pensiamo a Gennaio 🙂 
  • Print Recipe
    Crostata con frolla alle mandorle e mousse al cioccolato bianco
    Porzioni
    8/10 persone
    Ingredienti
    Per il ripieno:
    Porzioni
    8/10 persone
    Ingredienti
    Per il ripieno:
    Istruzioni
    1. In una terrina amalgamate la farina con la polvere di mandorle. Unite il burro a pezzetti e cominciate a lavorare l'impasto con la punta delle dita.
    2. Unite l'uovo intero, e uno alla volta i tuorli ( potrebbero non servire tutti, dipende dalla grandezza delle uova)lo zucchero, la scorza di limone grattugiata un pizzico di sale e lavorate l'impasto quel tanto che serve ad assemblare gli ingredienti. Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola e mettetelo in frigo per 1/2 ora.
    3. Stendete 2/3 dell'impasto in uno stampo per crostate di 24 cm di diametro. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta, coprite con della carta forno aggiungete dei pesetti (fagioli) e procedete con la cottura in bianco, in forno a 180° per 20 minuti circa. Con il resto dell'impasto preparate dei biscotti a forma di stella e cuoceteli in forno per una decina di minuti.
    4. Preparate il ripieno scaldate 150 ml di panna in un pentolino, appena prende il bollore toglietela dal fuoco, aggiungete il cioccolato bianco tagliato a pezzetti e mescolate con una spatola fino a completo scioglimento. Ammollate in un po' d'acqua la gelatina strizzatela bene e aggiungetela al composto di cioccolata e panna. Montate la panna restante e incorporatela al resto con l'aiuto di una spatola.
    5. Spalmate la marmellata sul fondo della crostata, versate la mousse ottenuta, livellate se necessario e mettete in frigo a riposare per un paio d'ore. Tiratela fuori dal frigo mezz'ora prima di servire, completate con i biscotti a forma di stella e una spolverata di zucchero a velo.
  • Crostata con frolla alle mandorle e mousse al cioccolato bianco

 

Crostata con frolla alle mandorle e mousse al cioccolato bianco

Aperitivo/ Crostate/ Senza categoria/ Torta Salata

Quiche di zucchine, speck e nocciole

Il tempo di libri, quaderni e matite colorate ahime  è passato da un pezzo. 

In quel periodo gli anni erano scanditi dall’inizio e dalla fine dell’anno scolastico, che nostalgia se mi fermo a pensare e quante emozioni.

Quest’anno mi sono ritrovata a rivivere quelle trepidazioni  stavolta però da un altro punto di vista , quello di genitore.

Il mio piccolino quest’anno ha iniziato il nido.

 Lo so non è proprio scuola, ma è per noi (lui e io) il primo vero distacco  e si porta con se un carico di emozioni che non pensavo mai di provare.

quiche-zucchine-e-nocciole-003-2

 

Il primo giorno temevo una catastrofe, mi ero immaginata pianti e strilli, ma forse erano quelli che avrei voluto fare io 😉

invece tutto è filato liscio come l’olio. 

Il mio ometto è stato bravissimo e da casa al nido e dal nido a casa è stato tutto un sorriso 🙂

quiche-zucchine-e-nocciole-007

Io comunque mi ero preparata una consolazione, nel caso c’è ne fosse bisogno.

Una quiche salata come piacciono a me, per tirarmi su di morale .

Una pasta brisèe senza burro con farina di farro integrale e un ripieno goloso: zucchine, nocciole e speck.

Provatela

 

Print Recipe
Quiche di zucchine, speck e nocciole
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 30 minuti
Porzioni
6/8 persone
Ingredienti
Pasta Brisèe
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo Passivo 30 minuti
Porzioni
6/8 persone
Ingredienti
Pasta Brisèe
Istruzioni
Per la pasta brisèe
  1. Setacciate le due farine e lavoratele con lo yogurt , aggiungete i cucchiai di acqua fredda. Continuate ad impastare, fino ad ottenere una pasta liscia e soda. Avvolgetela nella pellicola e mettetetela a riposare in frigo per 30 minuti.
Per il ripieno
  1. In una padella mettete lo speck tagliato a strisce ad abbrustolire, unite la cipolla e le zucchine tagliate a rondelle e fate insaporire per una decina di minuti. Salate e pepate. Stendete la pasta su una teglia di 25 cm foderata con carta forno. Cuocete il guscio di brisèe in bianco, aiutandovi con altra carta forno e dei fagioli secchi a 180° per 20 minuti circa, trascorso il tempo necessario togliete la carta forno e i fagioli e cuocete per altri 10 minuti affinchè la pasta si asciughi per benino. Lavorate lo stracchino con due cucchiai di latte e l'erba cipollina tagliuzzata. Distribuite il ripieno di zucchine nel guscio di brisèe completate con la crema di stracchino e le nocciole tritate. Rimettete in forno a 160° per 10 minuti. Servite tiepida.

quiche-zucchine-e-nocciole-008

 

CON QUESTA RICETTA PARTECIPO A SEI IN CUCINA – LA SFIDA DEGLI INGREDIENTI

 

img_3101-300x300

Crostate/ Dolci/ Senza categoria

Crostata di mele meringata

Rieccoci qua dopo una lunga assenza, un po’ per pigrizia un po’ perché quest’anno le vacanze sono andate per le lunghe tra meravigliose giornate al mare con gli amici di sempre ( ho trascorso l’intero mese di Agosto a casa dei miei giù in Sicilia ) e poi in giro per il nord della Spagna vi racconterò meglio nei prossimi post di questo viaggio, dei Pintxos di Donostia i più buoni e famosi della Spagna e del ” Txoko” una società gastronomica basca….intanto per rompere il ghiaccio e riprendere confidenza con voi e con il mio blog vi offro un pezzo di crostata prego prendete pure…

Ingredienti
270g farina 00
115g Zucchero
135g Burro
4 Tuorli
Sale

Per il ripieno e la meringa

2 mele  Granny Smith
200g Marmellata di Arance
2 Albumi
65g Zucchero
mezza bustina di vanillina
zucchero a velo Sale

Preparare la pasta frolla, metterla in frigo a riposare per un ora circa. Stendere la pasta su uno stampo per crostate imburrato e infarinato bucherellate il fondo con una forchetta ,distribuitevi metà della marmellata e adagiatevi sopra le mele sbucciate e tagliate a spicchi, ricoprite con il resto della marmellata . Cuocete i forno caldo a 180° per 30 minuti circa sfornate e fate intiepidire.
Montate gli albumi a neve ben ferma con un pizzico di sale incorporando a poco a poco lo zucchero mescolato alla vanillina, distribuite la meringa a cucchiaiate sulla crostata, spolverizzate con abbondante zucchero a vero quindi rimettete i forno a 150° per 10 minuti, fate dorare sotto il grill per pochi istanti e servite.

 

Crostate/ Dolci/ Piccola pasticceria

Tartelette di Kamut con crema aromatizzata alla mandorla e marmellata di visciole

 

 

“Il Kamut è un cereale antico, dal sapore dolce che ricorda la nocciola ed il burro, di aspetto assai simile al frumento di cui è probabilmente un antenato.
L´origine del grano Kamut risale alle fertili valli mesopotamiche :  risulta venisse coltivato in Egitto già 6.000 anni fa, all´epoca delle piramidi.
Con la scomparsa della cultura Egizia, anche la coltivazione del grano Kamut (“ka’moet”, come lo chiamavano gli Egizi), fu abbandonata. Da allora fino alla metà del nostro secolo, il grano Kamut veniva coltivato molto raramente vista la laboriosità della tecnica colturale necessaria.
Si preferivano le più comuni varietà del grano, alle quali le tecniche di selezione genetica conferivano rese sempre più elevate e maggior resistenza alle malattie.
Soltanto nel corso degli ultimi trenta anni si è avuta una riscoperta del progenitore delle attuali qualità del grano. Negli anni settanta, in seguito ai tenaci tentativi dell´agronomo e agricoltore statunitense Bob Quinn, è stata ripresa la coltivazione del grano Kamut, prima sperimentalmente, poi su larga scala, facendo nuovamente vivere questo caratteristico cereale dal glume gigante e dal sapore dolce e ricco.
Si narra che, dopo la IIª Guerra Mondiale, un pilota dell’aviazione americana abbia trovato una manciata di chicchi in una tomba egizia e che l’abbia inviata ad un amico nel Montana (USA), il cui padre era agricoltore. I chicchi furono seminati ed il cereale raccolto.
Soltanto nel 1977, gli agricoltori Quinn ripresero la coltivazione del Kamut con interesse e ne iniziarono la diffusione. Furono gli stessi Quinn a dargli il nome “Kamut”, antica parola egizia che significa “grano”.

Le sue caratteristiche risultano particolarmente adatte ai metodi produttivi dell´agricoltura biologica, ed il grosso glume del Kamut presenta un´eccezionale resistenza alle avversità ambientali.”

Fino a pochi mesi fa il Kamut lo conoscevo solo sotto forma di crackers o simili…mi piaceva ,ne tenevo e ne tengo sempre una scorta in casa…mi piace il sapore noccioloso che ha…ma non avevo pensato di cercare la farina per provare a preparare qualcosa …ma da quando ho aperto il blog…mi si è aperto un mondo…molti di voi preparano delle ricette deliziose usando la farina di Kamut…mi avete messo voglia,sono corsa a comprare la farina e un pò ho sperimentato…ho preparato delle crepes salate,che non vi ho ancora postato…ma oggi vi parlo di una ricetta dolce…di un esperimento fatto ieri…il Kamut mi piace sempre più (L’unico  neo, il prezzo, cavoli, costa tanto…ho pagato circa 4 euro per un kg di kamut).

Tartelette di Kamut con crema aromatizzata alla mandorla e marmellata di visciole:

Per la  frolla:

(vi rimando qui , ho semplicemente sostituito metà farina 00 con la farina di Kamut)

 per la Crema :

Anche questo è stato un esperimento, presa la decisione di preparare le tartellette dovevo decidere cosa mettere dentro…la marmellata, ok ,quella era già pronta in frigo e poi?…un pò di crema…si va bene ,ma mi accorgo che sono sprovvista di latte…mi metto alla ricerca su internet e mi imbatto in questa ricetta di gennarino, fa proprio al caso mio…ma con qualche modifica….

300g Acqua
100g Zucchero ( 200 mi sembravano un pò troppi…ma io non amo le cose troppo dolci…quindi fate voi)
1Uovo
1Tuorlo
50g Fecola di Patate
1/2 fialetta Aroma Mandorla Paneangeli
Cannella in polvere q.b….

  In più:
Marmellata di Visciole
Mandorle sbriciolate
Zucchero a velo

Ho preparato la frolla , dopo averla fatta riposare l’ho stesa negli stampini per tartellette ( io veramente ho usato i pirottini per muffins della silikomart) li  ho riempiti di fagioli secchi per evitare che la frolla si gonfiasse in cottura e ho messo in forno per 20 minuti circa a 180°. Nel frattempo ho preparato la crema seguendo la ricetta di gennarino…sostituendo il succo di limone e la scorza con l’aroma alla mandorla e una bella spolverata di cannella…ho lasciato raffreddare…sia la crema che le tartellette…una volta fredde ho composto i miei dolcetti. Ho messo dentro ogni tartelletta un cucchiaino di marmellata, la crema alla mandorla completando il tutto  con le mandorle sbriciolate e lo zucchero al velo….

 

Ecco l’interno, sono molto contenta del risultato ottenuto…dico si, alla frolla di kamut e si alla crema senza latte….d’estate risulta sicuramente più leggera…

Un Abbraccio a tutti i miei sostenitori;);)!!!!!!

Crostate/ Dolci

Crostata al limone con frutti di bosco

 

Buon lunedì….trascorso bene il fine settimana? io sono stata piena di impegni, ieri è arrivata mia madre…è venuta a trovarmi…passerà qui la settimana e mercoledì arriva anche mio fratello…finalmente ci riuniamo, sono mesi che non riusciamo a farlo…e cosi tra le tante cose da fare stamattina mi sono fermata per aggiornare un pò il blog…ho voglia di iniziare la settimana con qualcosa di dolce….vi posto la ricetta di una crostata che ho preparato la settimana scorsa per un pranzo a casa di amici,(perdonate le foto che sono state fatte di fretta…ma vi assicuro che il dolce era ottimo)
Ecco la foto intera

(Mettere la crostata in questo porta torta dal colore psichedelicho è stata una pessima idea….quanto mi fanno avvilire le mie foto….non riesco a porre rimedio…in questo periodo mi ritrovo con u PC anti diluviano,non riesco nemmeno a scaricare un programmino per sistemare le foto….rassegnazione prima di settembre devo tenermi questo carretto…sigh!!!!!

Ingredienti:

Per la frolla:

250g Farina 00
125g burro
100g Zucchero
1 Uovo
1/2 bustina Vanillina
1Pizzico Sale

Per la crema:
2 Limoni non trattati
40g Burro
90g Zucchero semolato
2 Uova
Sale
300g Frutti di Bosco
Zucchero a velo

Prepariamo la frolla,Lavoriamo il burro ammorbidito con lo zucchero,il sale e la vanillina, uniamo l’uovo e dopo la farina, impastiamo quel tanto che basta per rendere il composto omogeneo, avvolgiamo la pasta frolla nella pellicola trasparente e poniamo in frigo a riposare per circa un ora.
Riprendiamo la frolla dal frigo stendiamo la pasta su una teglia per crostate imburrata e infarinata bucherelliamo con i rebbi di una forchetta….copriamo con carta forno riempiamo con fagioli secchi e inforniamo a 180° per 25 minuti. nel frattempo prepariamo la crema: laviamo i limoni, grattugiamo la scorza, spremiamo il succo e filtriamo. facciamo fondere a bagnomaria il burro,uniamo il succo e la scorza dei limoni, lo zucchero e le uova…lavoriamo fino ad ottenere una crema liscia gialla e densa ( mi raccomando quando aggiungete le uova…altrimenti viene fuori una stracciatella)facciamo raffreddare e poi versiamola sulla frolla ormai cotta livellando la superficie con una spatola mettere in frigo per un ora circa….decoriamo con i frutti di bosco.( io ho usato quelli surgelati) spolveriamo con zucchero a velo e qualche fogliolina di menta fresca…portiamo in tavola e gnam gnam!!!!!!