Browsing Category

Festività

Carnevale/ Dolci/ Ricette dal Mondo

Semlor Svedesi

I Semlor o Semla sono un dolce tipico dei paesi scandinavi.

La versione più antica dei semlor non era altro che del pane nero intinto nel latte caldo

che intorno alla 500 venivano consumati dalla monarchia ogni martedì da carnevale a Pasqua.

Oggi i Semlor sono dei morbidi panini dolci aromatizzati con il cardamomo, riempiti con una crema al marzapane e panna montata.

I Semlor vengono spesso accompagnati da una tazza di tè o caffè e in Svezia si usa ancora consumare i semlor inzuppandoli nel latte caldo.

Nella versione finlandese la crema di marzapane è sostituita da una confettura di lamponi (Laskiaiispulla).

La versione Danese e Islandese (Fastelavnsbolle) invece è realizzata con pasta sfoglia ripiena di marmellata e panna montata e ricoperto di glassa.

Print Recipe
Semlor Svedesi
I Semlor" sono dei panini farciti con crema, marzapane e panna, tipici dei paesi scandinavi.
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
12 pezzi
Ingredienti
Per la Farcia
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
12 pezzi
Ingredienti
Per la Farcia
Istruzioni
  1. Mescolate il lievito fresco con il latte a temperatura ambiente, fino a farlo sciogliere, versate il tutto in una ciotola e coprite con pellicola, lasciate riposare per circa 15 minuti, fino a quando non comincerà a fare delle bollicine e si formerà la schiuma.
  2. Versate ora nella ciotola, con il latte, il burro fuso, lo zucchero, metà della farina, il sale, il lievito in polvere e il cardamomo in polvere, aggiungete anche metà dell'uovo sbattuto, l'altra metà servirà per lucidare i panini.
  3. Mescolate bene fino a quando tutti gli ingredienti saranno incorporati, poi unite, poco alla volta la farina rimanente, potreste non doverla usare tutta, l'impasto che dovrete ottenere dovrà essere leggermente appiccicoso, impastate per almeno 5 minuti con la planetaria o 10 minuti a mano. Coprite la ciotola con della pellicola e lasciate lievitare fino a quando non sarà raddoppiato di volume.
  4. Spennellate ogni panino con il restante uovo sbattuto e cuocete per 10-12 minuti o finchè non saranno dorati, sfornate e coprite subito con un canovaccio umido, lasciate raffreddare.
  5. Con un coltello affilato tagliate dei triangoli profondi da ogni panino e teneteli da parte, scavate il panino per circa 1/3 o anche di più e conservate le briciole di impasto in una ciotola.
  6. Montate la panna fresca con lo zucchero a velo e create dei ciuffi uniformi e abbondanti sulla farcitura di ogni panino, richiudete ogni panino con il suo triangolo e spolverate leggermente con lo zucchero a velo.
Recipe Notes

Il marzapane lo trovate  facilmente al supermercato, in alternativa potete farlo voi tritando 200 g di mandorle con 100 g di zucchero a velo, 100 g di zucchero semolato  e un albume. 

Lasciatelo riposare un oretta in frigo coperto con pellicola prima dell'utilizzo.

 

 

 

 

La ricetta dei Semlor è tratta da Dolci Hygge di Brontë Aurell, proposta del mese scorso di Recake2.0

Dolci/ Dolci al cucchiaio/ Festività/ Natale

Mousse pan di zenzero

Quando penso al Natale c’è un profumo e un sapore che si materializza subito nella mia testa e in bocca, il pan di zenzero.

ll sapore speziato del pan di zenzero, il profumo d’arancia per me fanno subito atmosfera Natalizia.

Quindi per la ricetta del contest Babbi indetto da Saygood al quale partecipo è stato facilissimo creare una ricetta con i buonissimi prodotti Babbi a tema feste di natale.

 

 

La mousse Pan di zenzero

Trovate la ricetta per preparare questo dolce per le vostre feste su Saygood

Vi assicuro che farete un figurone!

 

babbimousse

 

Cucina Siciliana/ Dolci/ Festività/ Ricette Siciliane

Sfince di San Giuseppe

sfince-san-giuseppe

Ieri abbiamo celebrato la festa del papà, con una ricetta della tradizione siciliana:

Le Sfince di San Giuseppe.

Le Origini di questo dolce sono antichissime e come la maggior parte delle ricette siciliane sono da ricercare nella dominazione araba. Il nome stesso Sfincia deriva molto probabilmente dall’arabo “isfang” “spugna”.

La Sfincia si presenta infatti morbida e irregolare come una spugna.

In origine doveva essere una semplice frittella, trasformata poi in un dolce prelibato dalle suore del monastero delle stimmate a Palermo, che le hanno dedicate a San Giuseppe il santo degli umili.

I pasticceri palermitani infine l’hanno arricchita con la crema di ricotta, il cioccolato , la scorza d’arancia candita e la granella di pistacchio, raggiungendo la perfezione.

 

 

sfince-san-giuseppe

Oggi le Sfince di San Giuseppe sono presenti in tutte le vetrine delle pasticcerie palermitane e del Trapanese, non solo il 19 marzo, ma è disponibile tutto l’anno.

Vi invito ad assaggiarlo durante i vostri viaggi in Sicilia, perchè merita davvero.

sfince-san-giuseppe

Print Recipe
Sfince di San Giuseppe
Dolce tipico della tradizione pasticcera siciliana che si prepara in occasione del 19 marzo per celebrare San Giuseppe.
Porzioni
15/20 Pezzi
Ingredienti
Per il ripieno
Porzioni
15/20 Pezzi
Ingredienti
Per il ripieno
Istruzioni
  1. La sera prima preparate la crema di ricotta, setacciando quest'ultima e lavorandola con lo zucchero, l'aroma scelto e le gocce di cioccolato. Conservatela coperta con la pellicola in frigo fino al momento dell'utilizzo.
  2. In un pentolino portate a bollore l'acqua con il burro e il sale. Raggiunto il bollore allontanate dal fuoco e unite la farina in una sola volta. Rimettete sul fuoco e mescolate energicamente fino a quando l'impasto non si staccherà dalle pareti ( ci vorranno pochi secondi )
  3. Lasciate raffreddare quindi unite le uova uno alla volta ( l'uovo deve essersi completamente assorbito prima di inserire l'altro). Per questa operazione usate la planetaria o simili perchè a mano è veramente faticoso. Unite infine il lievito o il bicarbonato e mescolate con una spatola. L'impasto deve risultare a questo punto liscio e lucido.
  4. Scaldate l'olio in una pentola a bordi alti, portatelo ad una temperatura di 180° circa. Tuffate a cucchiaiate l'impasto nell'olio caldo ( mai più di 4 per volta). Girate spesso le sfince con l'aiuto di un cucchiaio e sbattetele leggermente mentre cuociono in modo che si gonfino bene.
  5. Una volta fritte,fatele asciugare su carta assorbente, farcitele con la crema di ricotta e guarnite con i canditi e la granella di pistacchi.
  6. Fatele riposare un paio d'ore prima di mangiarle.
Recipe Notes

Il giorno dopo sono ancora più buone.

 

 

sfince-san-giuseppe

Se non amate il fritto e non fate nessuna eccezione allora le Zeppole di San Giuseppe al forno è la ricetta che fa per voi .

Carnevale/ Cucina Regionale/ Cucina Siciliana/ Festività/ Ricette Siciliane

Pignolata

pignolata-miele

La Pignolata o Pignoccata è un tipico dolce della tradizione Siciliana e Calabrese. A dirla tutta si prepara anche in altre parti d’italia con ingredienti se non identici molto simili.

Nel centro Italia  la chiamano Cicerchiata  , Struffoli nel napoletano.

È un dolce tipico del periodo di Carnevale ma si può preparare ogni volta che se ne ha voglia.

In sicilia spesso viene presentato come dolce del pranzo domenicale.

Un impasto di farina e uova, da cui si ricavano delle palline che vengono prima fritte e poi passate nel miele.

Mi viene l’acquolina in bocca solo a scriverne 😉

 

 

Print Recipe
Pignolata
Dolce di Carnevale della tradizione Siciliana
Porzioni
10 persone
Porzioni
10 persone
Istruzioni
  1. Impastate la farina con le uova fino ad ottenere un impasto liscio e sodo. Coprite con pellicola e lasciate riposare per 30 minuti circa.
  2. Ricavate dall'impasto dei bastoncini della circonferenza di un dito, tagliateli a tocchetti e friggeteli in olio caldo , più piccoli saranno i tocchetti più la pignolata sarà croccante, regolatevi secondo il vostro gusto.
  3. Scaldate il miele in un pentolino e tuffateci dentro i tocchetti fritti. Trasferiteli su un piatto da portata ,cospargete con i zuccherini colorati e la buccia d'arancia grattugiata .
  4. Fate raffreddare e rapprendere il miele prima di mangiare.
Recipe Notes

Potete aggiungere la scorza d'arancia anche nell'impasto.

Potete servire la Pignolata dentro a dei pirottini da muffins per avere delle monoporzioni più facili da gestire soprattutto se si è in tanti.

Classici/ Dolci/ Dolci al cucchiaio/ Festività/ Natale/ Senza categoria

Panna cotta al Cioccolato Fondente

pannacotta-cioccolato-fondente

Panna Cotta al cioccolato fondente, un grande classico che si presta a mille declinazioni.

Di solito la panna cotta mi piace nella versione bianca con un velo di caramello  sopra, perchè quello che amo di più è proprio il sapore di latte che si sprigiona in bocca ad ogni cucchiaiata.

 

Stavolta ho fatto uno strappo alla regola, ho aggiunto  del cioccolato fondente alla mia solita ricetta per la panna cotta e ho poi decorato con scorza d’arancia e pistacchio.

Aiutandomi con uno stampo per biscotti a forma di stella sono riuscita a vestire a festa la mia panna cotta che in un attimo si è trasormata in un perfetto dolce natalizio 😉

 

 

Print Recipe
Panna cotta al Cioccolato Fondente
Panna cotta al Cioccolato Fondente
Porzioni
6 persone
Porzioni
6 persone
Istruzioni
  1. Mettete la gelatina ad ammollare in acqua fredda.
  2. In un pentolino versate la panna,lo zucchero e l'estratto di vaniglia e scaldate a fuoco basso. Non appena affiora il bollore togliete subito il pentolino dal fuoco, unite la gelatina ben strizzata e mescolate bene fino a completo scioglimento.
  3. Fate fondere il cioccolato a bagnomaria. Unitelo alla panna.
  4. Versate la Panna cotta negli stampini lasciate raffreddare a temperatura ambiente e poi trasferite in frigo per un paio d'ore, cmq fino a completo rassodamento.
  5. Completate con la buccia d'arancia e la polvere di pistacchio prima di gustare.